C.Arte d’imbarco. Siamo Tutti in viaggio / MigrArti Spettacolo. Seconda Edizione.

progetto migrarti

sortie-1

 Aprile – Luglio 2017

1. Progetto artistico

 

C.Arte d’imbarco. Siamo tutti in viaggio è il progetto presentato da Carovana SMI e i suoi partner al MIBACT nell’ambito della seconda edizione del bando MigrArti Spettacolo.

Il progetto è stato selezionato tra i primi 5 progetti in Italia e per questo lo spettacolo prodotto, sarà presentato entro luglio nella città di Cagliari e nel mese di Ottobre alla prima edizione del Festival MigrArti che il MIBACT organizza a Pistoia nell’ambito degli eventi Pistoia Città Capitale Italiana della Cultura 2017.

C.Arte d’Imbarco è evoluzione dei progetti “Navigare i Confini” di Carovana SMI e “Human – Il canto dei profughi”, di SardegnaTeatro/TRIC, presentati nell’ambito del bando “MigrArti 2016”, selezionati tra i primi 3 progetti in Italia, per attività di spettacolo rivolte a giovani immigrati di 2° generazione. Il programma 2017, articolato con attività artistiche multidisciplinari, sviluppa i temi del progetto con la produzione di incursioni nei diversi habitat della città che viaggia (Cagliari), paesaggi urbani di uno spettacolo da presentare anche in spazi teatrali, grazie alle mappature video e con le tecnologie 3D dei luoghi attraversati; immagini virtuali che si combinano con azioni performative dal vivo.

C.Arte d’Imbarco è incubatore di processi creativi per la professionalizzazione e mobilità delle competenze artistiche e l’interazione multiculturale con i giovani partecipanti e le loro comunità d’origine. Inoltre, C.Arte d’imbarco è un progetto che organizza circuiti internazionali di giovani artisti di seconda generazione di comunità di immigrati o di richiedenti asilo (residenti in Sardegna) per valorizzare i talenti, inclinazioni, competenze già acquisite, le identità creatrici di cui sono portatori, rendendo tutti protagonisti ed interpreti principali della propria storia e di visioni del domani. L’obbiettivo principale è di mettere al servizio della comunità locale la professionalità, sensibilità ed esperienza degli artisti coinvolti per il massimo risultato sul piano espressivo dei giovani artisti protagonisti del viaggio.

Dall’esperienza maturata negli anni precedenti emerge con forza l’evidenza di come l’arte, la cultura, lo sport, l’artigianato, i linguaggi digitali, possano essere strumenti straordinari per favorire l’elaborazione di forme innovative d’interazione con le comunità di immigrati arrivate da tempo in Sardegna e con i migranti, richiedenti asilo e rifugiati, che sbarcano nell’isola con un indice di crescita esponenziale.

Attraverso la messa in opera di attività artistiche articolate con continuità, si contribuisce alla coesione sociale di individui e gruppi con radici profondamente diverse, a stimolare e supportare processi di risanamento e cura di persone. L’arte “del vivere in viaggio” per l’interazione multiculturale, valorizza persone e gruppi portatori di visioni costruttive nel presente e nei futuri possibili, dà una spinta vitale per l’innovazione professionale, in quanto costituisce ambito di sperimentazione di processi creativi e formativi a tutto tondo, articola processi di costruzione della cittadinanza attiva e promuove la mobilità di idee, esperienze e persone che nell’interazione multiculturale generano processi fertili per la trasformazione e il superamento di quei modelli formativi e lavorativi obsoleti, non solo per gli immigrati ma anche per i cittadini locali.

L’ambizione di C.Arte d’imbarco – Circuiti d’Arte d’Imbarco, è quello di generare reti di relazioni attraverso la pratica e la produzione artistica che aprano orizzonti e prospettive e che mettano a fuoco il “futuro che vorremo” per la produzione di immagini in movimento che si modificano nel procedere del viaggio.

L’interazione tra Arte e Sport, rimane nel 2017 un’importante chiave di volta del progetto. Per il 2017, visti gli importanti risultati ottenuti nel 2016 dal progetto “Calcio senza Confini” e “Music Basketball”, intrecciando basket, musica dal vivo, cultura hip hop e danza, continueremo a sviluppare questo tipo di attività.

2. I nostri principi e idee per il progetto

Dopo l’esperienza del MigrArti Spettacolo 2016, è evidente che un progetto come questo deve essere progetto a lunga scadenza, capace di continuità e credibilità, per porsi con onestà verso gli interlocutori scelti e per obiettivi che richiedono tempi lunghi di attuazione, evitando il rischio di millantare, camuffando e rinviando problemi, ferite e conflitti poi irriducibili, anziché aprire prospettive di riforma e mutamento.

Il titolo del progetto C.Arte d’Imbarco, promuove il principio di rete dove la “C.” sta per “Circuiti che attraverso l’arte, educano al viaggio”, al cambio di prospettiva, contesto, e mobilità per essere artisti e cittadini del presente. Questo è l’obiettivo! e l’arte è la soluzione. Il partenariato che Carovana ha riunito per la concezione e realizzazione del progetto C.Arte d’Imbarco è ampio, diversificato e adeguato al raggiungimento degli obiettivi in ambito sociale e artistico, a favore del dialogo multiculturale e l’interazione con le comunità d’immigrati della regione Sardegna.

Un progetto, che attraverso l’arte rilancia l’isola come snodo di formazione di alte competenze professionali in ambito internazionale, è un progetto che investe sul riconoscimento e la valorizzazione dei talenti che ancora rischiano di essere dispersi e castrati per l’incapacità di svecchiare i meccanismi formativi e produttivi.

Formare alla cittadinanza mondiale in Sardegna, permette di superare le resistenze a confrontarsi ed interagire rispettosamente con l’alterità, supportando lo sviluppo di nuovi e giovani organismi che si propongono nel mercato del lavoro, anche nelle aree rurali che soffrono di spopolamento, invecchiamento e fuga dei giovani. Il luogo metaforico e reale di C.Arte d’Imbarco, come è successo con Navigare i Confini nel 2016, è il quartiere di Sant’Elia di Cagliari, segnato da gravi disagi.

“Siamo tutti in viaggio verso Sant’Elia” che rappresenta una delle grandi sfide del progetto. Portare a confronto, nello spirito della solidarietà e rispetto dell’altro, persone con provenienze profondamente diverse, marcate da mancanze e ferite, che possono generare forti conflittualità, degrado umano e ambientale, per condividere i processi di trasformazione, risanamento e cura, per procedere verso futuri desiderabili.

E’ un progetto di arte e comunità, dove la comunità è nomade, in movimento, corpi che si modificano con il viaggio, a contatto con le storie delle persone che arrivano da luoghi e culture diverse: si rimane in viaggio per permettere a nuove persone di entrare a farne parte. Le migrazioni rendono gli stanziali vivi, riattivano i mutamenti e l’abilità di essere in transito, trovando nuove e pertinenti risposte ai contesti che cambiano, anche se il contesto geografico rimane lo stesso; alcuni partono, altri arrivano e chi rimane muta all’ascolto del mondo che gira, alterando la percezione come in una danza sufi, rinnovando il sentire e lo sguardo, mentre il respiro nasce e muore in ogni istante. C.Arte d’Imbarco è un circuito di viaggiatori che danzano il paesaggio che incontrano.

La sfida del 2016, in questo senso, ha prodotto straordinari risultati, proseguiamo nello stesso cammino per il 2017, attraverso la navigazione nella memoria, nel desiderio e nei sentimenti (amicizia, amore, rabbia, dolore, paura, felicità, euforia…) con giovani immigrati dall’Asia e dall’Africa che risiedono nella città di Cagliari e nella sua provincia.

La migrazione non è un “tema” ma uno “stato esistenziale”, non è un problema ma una risorsa di sviluppo socio-economico, culturale e demografica: è un fenomeno irreversibile per cui si devono sviluppare nuove consapevolezze e competenze.

Ruoli artistici:

direzione artistica, regia e danza: Ornella D’Agostino in collaborazione con la drammaturga filippina Rosella Pineda, il regista cinese Wu Wenguang, il compositore Romeo Scaccia, il videomaker Matteo Fadda e gli altri artisti del programma.

drammaturgia e scrittura creativa: Rosella Pineda (Filippine), artista e docente universitaria, ricercatrice indipendente, operatrice culturale e di comunità, performer e attivista.

video: Wu Wenguang (Cina), regista di film e documentarista. Fondatore del Folk Memory Project a Pechino; Matteo Fadda / Italia, video artista

danza e Arti del corpo: Fatima Dakik (Marocco), coreografa e cantante; Mattia Campagnola, coreografo e danzatore di break dance; Massimo Antonelli, campione nazionale di basket, fondatore del metodo MusicBasketball; canto, percussioni, musica elettronica: Romeo Scaccia, pianista concertista, compositore multimediale e per film; Ettore Bonafè, percussionista, chitarrista e compositore.

linguaggi digitali e della realtà virtuale: Francesca Mereu, artista digitale e ricercatrice in Interactive Art, Serge Salis, pittore, grafico e artista digitale (3D); Michela Cinus, designer.

3. Azioni e Cronoprogramma del progetto

Le azioni si articoleranno in due sessioni connesse:

Sezione A: Attività di ricerca creativa e produzione dello spettacolo finale

  • 1 aprile – 15 luglio, città metropolitana di Cagliari

Promozione del progetto e incontri con le comunità di immigrati; percorsi esperienziali rivolti a gruppi e singoli partecipanti, per stimolare l’interazione multiculturale e rinforzare abilità professionali e artistiche già acquisite o scoprirne delle nuove, con lo scopo di attrarre giovani immigrati di seconda generazione e giovani sardi in laboratori multidisciplinari. Coinvolge attraverso il gioco delle arti, studenti dei licei, scuole pubbliche e private per l’apprendimento dell’italiano, le scuole frequentate dai giovani di seconda generazione coinvolti dal 2016 e altri da attrarre nel 2017.

  • 1 aprile – 30 luglio, Centro Culturale Il Lazzaretto e Teatro Massimo

Laboratori creativi multidisciplinari che intrecciano danza, musica (percussioni, canto e composizione con tecnologie informatiche ed elettroniche), creazione di artigianato e oggetti digitali, video e 3D, arte e sport, narrazione e scrittura creativa, percorsi artistico/creativi che favoriscano da una parte l’apprendimento e miglioramento della lingua e cultura italiana e dall’altra la valorizzazione delle lingue e culture d’origine dei giovani partecipanti immigrati. L’obiettivo è anche quello di elaborare testi e metodi per l’apprendimento delle lingue, su temi indicati dai migranti con l’utilizzo delle nuove tecnologie. I laboratori coinvolgono artisti di provenienza e riconoscimento internazionale e si realizzano in co-presenza tra diversi artisti.

  • 2 maggio – 25 Luglio a Cagliari città e al Lazzaretto di Sant’Elia / Ottobre a Pistoia

Produzione dello spettacolo multidisciplinare C.Arte d’Imbarco attraverso sessioni di ricerca e produzione multidisciplinare, realizzazione di incursioni performative nei luoghi reali, virtuali ed immaginari del viaggio, per la produzione dello spettacolo finale; Itinerari per mappare paesaggi urbani, naturali e archeologici in Sardegna, per il raggiungimento degli obbiettivi del progetto, per viaggiare nella città alla ricerca di luoghi dove contestualizzare le drammaturgie multidisciplinari e le attività creatrici.

Realizzazione di videoarte di Calcio, Basket, altre forme di sport in interazione con le arti performative che possano promuovere le abilità sportive ed espressive dei giovani di origini culturali diverse e dare continuità ai laboratori del 2016 sul Music Basketball e “Calcio senza Confini”.

Sessione B: Attività per il coinvolgimento partecipato e creativo delle comunità di immigrati e del pubblico

  • marzo-luglio (Centro culturale Il Lazzaretto Mediateca del Mediterraneo (MEM)

Ricerca d’archivio (non solo in rete), seminari di disseminazione dei risultati, su documenti scritti e audio video, sulle ritualità e produzioni culturali dei diversi paesi d’origine degli immigrati; danza, musica, letteratura e teatro, culture del cibo, pratiche e terapie di cura.

  • maggio-luglio (Sede Eja TV al Teatro Massimo)

Realizzazione del TG Nois dei Migranti sulle storie e le informazioni raccolte; Azione a cura di SardegnaTeatro, Eja TV.

Azioni in Evidenza:

aprile – maggio – giugno – luglio

Laboratori multidisciplinari di danza, performance, musica, video con Ornella D’Agostino, Fatima Dakik, Mattia Campagnola, Romeo Scaccia, Matteo Fadda.

Laboratori di arte e sport di calcio e basket in collaborazione con Massimo Antonelli, la FIGC- LND Comitato Regionale Sardegna e gli Ex Calciatori Rossoblu.

Laboratori di art design, linguaggi digitali e della realtà virtuale con Serge Salis, Michela Cinus, Francesca Mereu.

I laboratori sono rivolti ai giovani artisti del progetto e alle comunità di immigrati in Sardegna.

8 maggio / 2 giugno

Residenza artistica e laboratorio di drammaturgia e scrittura creativa con Roselle Pineda rivolto ai giovani artisti del progetto e alle comunità di immigrati in Sardegna, in particolar modo la comunità filippina

18 – 30 giugno

Residenza artistica e laboratorio di video con Wu Wenguang rivolto ai giovani artisti del progetto e alle comunità di immigrati in Sardegna, in particolar modo la comunità cinese

giugno – luglio

Laboratori di percussioni con Ettore Bonafè rivolto ai giovani artisti del progetto e alle comunità di immigrati in Sardegna, in particolar modo alle comunità indiane e africane

4. Artisti

Esperienza professionale degli artisti e partner coinvolti in relazione allo specifico delle attività progettuali presentate.

Le attività artistiche confluiscono nella creazione di uno spettacolo multidisciplinare, coordinate dalla direttrice artistica del progetto Ornella D’Agostino, che cura anche la regia, coinvolgono artisti di provenienza e riconoscimento internazionale, che si ritrovano in Sardegna per collaborare e confrontarsi su metodologie formative che possano valorizzare le identità creatrici dei giovani partecipanti di diversa radice culturale.

La scelta degli artisti ha tenuto conto di alcuni parametri:

1) Alta professionalità nella capacità di attivare processi creativi con forti ricadute sociali: qualità che contraddistingue tutti gli artisti del programma

2 ) Provenienza culturale dai paesi d’origine delle comunità di immigrati coinvolte, l’artista filippina Rosella Pineda e il regista e documentarista cinese Wu Wenguang, fondatore del Folk Memory Project, un lavoro di documentazione con i suoi studenti, che ricostituisce attraverso l’intervista, la memoria degli avvenimenti che hanno sconvolto la Cina del secolo scorso e che sbiadiscano nella coscienza collettiva per manipolazione d’informazione. Due figure straordinariamente rilevanti in ambito internazionale, coraggiose nel continuare ad operare nei loro paesi, dove la libertà di espressione per i giovani, gli artisti e le persone non è scontata. Attivatori di progetti di resilienza politica e culturale, che difendono l’eredità della memoria e militano per il rispetto dell’ambiente e i diritti umani: percorsi importantissimi da divulgare tra i giovani e le comunità di immigrati in Sardegna; Jo Azer, maestro di antiche arti del corpo indiane che al contrario ha scelto di vivere in Sardegna, dopo una vita vissuta in viaggio tra paesi dell’Asia e del mondo occidentale, sofisticato conoscitore di scienze olistiche di cura, trasversali a diverse culture arcaiche e contemporanee, trova nella Sardegna i luoghi che gli permettono di operare quella sintesi; ha rare capacità di accompagnare i giovani alla scoperta del Se Creativo e Percettivo.

3) Capacità di navigare tra tradizione e innovazione artistica tecnologica: Francesca Mereu, artista digitale; Serge Salis, artista digitale 3D; Michela Cinus, designer. Con loro il viaggio è anche multimediale, sperimentando creativamente le tecnologie informatiche che hanno spaccato le rigidità della sedentarietà, per dar gambe alle comunità dei nuovi nomadi digitali; i partecipanti potranno creare oggetti e paesaggi virtuali con l’utilizzo dei linguaggi informatici e del 3D, scenografie e oggetti da viaggio, per la produzione performativa. I 3 artisti sono altamente specializzati dal punto di vista tecnologico.

4) Artisti viandanti, che per la loro esperienza di vita possano immedesimarsi nella condizione esistenziale di chi parte alla ricerca di mondi migliori o scappa per non lasciarsi morire o è figlio di genitori che hanno scelto di emigrare: Fatima Dakik, coreografa e cantante, artista di origine marocchina di seconda generazione, residente in Sardegna; Romeo Scaccia, cittadino del mondo per le sue plurime origini culturali, virtuoso del piano e del paesaggio sonoro elettronico.

5) Artisti che possono viaggiare in culture diverse attraverso la loro arte: è il caso del percussionista Ettore Bonafè, virtuoso di ritmi africani ed indiani.

6) Artisti che incorporano linguaggi del mondo giovanile dei nativi digitali: Mattia Campagnola, coreografo e danzatore di break dance, vincitore di context internazionali, un idolo per i danzatori filippini e africani di questo progetto; Matteo Fadda, video artista, esperto di fiction audiovisive, già collaboratore nel progetto del 2016 “Navigare i Confini” per la realizzazione del progetto “Cartoline video”.

Per quanto riguarda l’interazione tra Arte e Sport, nel 2016 abbiamo avviato il progetto “Calcio senza Confini”, felici interazioni tra canto, danza africana e calcio, favorendo l’inclusione di calciatori africani nelle società sportive agonistiche. Per il 2017, visti gli importanti risultati ottenuti nel 2016 dal progetto “Calcio senza Confini” e “Music Basketaball”, intrecciando basket, musica dal vivo, cultura hip hop e danza, continueremo a sviluppare queste attività in partenariato con Massimo Antonelli, fondatore del metodo “Music Basketball”. Le attività laboratoriali saranno accessibili ad un alto numero di partecipanti (100/150); il percorso di produzione dello spettacolo finale sarà dedicato ai partecipanti che manifestano interesse, disponibilità e maturità nel procedere in un percorso di professionalizzazione. La produzione dello spettacolo non coinvolgerà più di 10/15 artisti, tutti creatori dei ruoli principali che interpreteranno.